Gian Carlo Caselli, Stefano Masini

C’è del marcio nel piatto

Come difendersi dai draghi del made in Italy che avvelenano la tavola

Edizioni PIEMME, Milano 2018

Gli autori

Gian Carlo Caselli

Gian Carlo CaselliMagistrato in pensione dal dicembre 2013. Era entrato in Magistratura nel dicembre 1967 e ha ricoperto molte importanti cariche: giudice istruttore a Torino dove si è occupato a lungo di inchieste sul terrorismo; dal 1986 al 1990 componente del Csm eletto nelle liste di Md, è poi rientrato a Torino come presidente della Corte d’Assise.
Nel 1992, dopo la morte di Falcone e Borsellino, è stato trasferito, su sua richiesta, a Palermo, dove ha diretto quella Procura per quasi sette anni. Successivamente è stato capo del Dap (Dipartimento amministrazione penitenziaria) e rappresentante italiano in Eurojust, struttura di coordinamento delle indagini transnazionali. Infine è stato Procuratore generale di Torino e poi Procuratore della Repubblica. Attualmente dirige in Coldiretti la segreteria scientifica dell’Osservatorio sulla criminalità nel settore agroalimentare. È autore di varie pubblicazioni sui temi della legalità e della giustizia.

Stefano Masini

Attualmente coordina le attività dell’Area Ambiente e Territorio presso la Confederazione Nazionale Coldiretti in raStefano Masinippresentanza della quale riveste numerosi incarichi e in organismi di livello nazionale ed europeo. Insegna, in qualità di professore associato, Diritto agrario e Diritto alimentare presso le facoltà di Medicina e Scienze dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata. È autore di numerosi libri. E’ codirettore della rivista Diritto Agroalimentare; coordinatore del Comitato di redazione della rivista Diritto Agrario, dell’Ambiente e dell’Alimentazione e socio ordinario del Centro Studi di Estimo ed Economia territoriale.
È componente del CdA del Comitato scientifico della Fondazione “Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare” e dell’Istituto di ricerca EURISPES.

Come fare per aiutare le foreste a contrastare gli effetti del cambiamento climatico, così che continuino a garantire la nostra vita su questo pianeta? Salvare le piante significa salvare noi stessi.

 

 

Genere: documentarioIl Seme del Futuro locandina

Anno: 2022

Durata: 62’

Regista: Francesca Frigo

Paese: Italia

Interpreti: Giorgio Vacchiano, Michele Freppaz, Marta Galvagno, Ivan Rollet, Jean-Claude Haudemand, Renzo Motta, Marta Marzano, Willy Regioni

Produttore: Andrea Parena

Prodotto da: BabyDoc Film con il sostegno di Film Commission Torino Piemonte - Piemonte Doc Film Fund, Film Commission Vallée d'Aoste - Film Fund

Sceneggiatura: Andrea Parena, Francesca Frigo, Davide Mazzocco, Renato Di Gaetano

Fotografia: Andrea Parena

Trailer: https://vimeo.com/714169951

Caratteri distintivi dell’Associazione Triciclo

Visione

Contribuire a creare un futuro senza disparità né sprechi nell’accesso alle risorse naturali e nel loro utilizzo, nel rispetto dell’ecosistema e delle varietà di tutti gli organismi che lo abitano.

Missione

  • Adottare e proporre stili di vita sostenibili, praticabili da tutti, essendo consapevoli che le risorse naturali sono limitate e che molte criticità ambientali odierne sono provocate dal comportamento umano.
  • Raccogliere e diffondere informazioni corrette e critiche sui problemi ambientali emergenti e sulle modalità con cui affrontarli, adeguando le metodologie e gli strumenti alle diverse tipologie di persone che l’associazione riesce a contattare e coinvolgere.
  • Arricchire le riflessioni interne sull’impatto ambientale umano con il punto di vista di soggetti del sud del mondo, con i quali realizzare anche azioni concrete di solidarietà internazionale.

I valori

  • rispetto dell'ambiente
    inteso come rispetto e cura del paesaggio e amore per l’ambiente
  • cittadinanza attiva
    intesa come consapevolezza, inclusione, uguaglianza come uguale coinvolgimento, solidarietà
  • coerenza
    intesa come scientificità, fondatezza e concretezza delle idee sulla salvaguardia dell’ambiente.

 

Triciclo ha compiuto 20 anni dalla sua fondazione. Così abbiamo deciso di rinnovare la veste grafica del suo logo.

 

Nuovo logo di Triciclo realizzato da Adriano Benetti - dicembre 2016

 

Il nuovo logo è stato realizzato grazie alla gentile collaborazione, alla professionalità e alla fantasia creatrice di Adriano Benetti, grafico e artista di Rivoli (TO):

  • Ritrattoria, Atelier artistico, Owner · 2012 - ad oggi · Rivoli Torinese, Piemonte, Italy. Sito e pagina facebook
  • Creative zone, Agenzia pubblicità. Direttore creativo · 2002 - ad oggi · Torino.
  • direttore artistico di “Pagina”, il primo quotidiano on-line della provincia di Torino

Lunga vita al nuovo logo! Grazie Adriano!

Cariche istituzionali

Presidente: Giorgio Tartara.

Vicepresidente: Rosina Rondelli.

Consiglieri: Valentina Buoninconti, Rosina Rondelli, Giorgio Tartara.

Servizio di segreteria del Consiglio: Tiziana Cappellozza.

Sito

Tiziana Cappellozza, Giorgio Tartara.

Referente: Giorgio Tartara.

Siti di terzo livello

Youssef Yadini

Comunicazione social

Linh Phung, Lorenzo Montevecchi, Serena De Martiis, Larissa Romagnoli.